Scopri i nostri ebook gratuiti

5 trucchi per l'email marketing

Un interessante studio di Mapp  (da cui sono presi i dati con cui abbiamo elaborato i grafici che seguiranno) ci può aiutare a capire come meglio gestire le nostre campagne di email marketing e in generale le comunicazioni email verso clienti acquisiti e potenziali. Una premessa rispetto all'utilizzo dell'email e a come coinvolgere i nostri contatti tramite questo strumento: il consumo via smartphone è in continua crescita come pure il fatto di leggere la mail più volte durante la giornata. Le nostre mail dovranno quindi essere necessariamente adatte alla lettura da smartphone ( responsive design ); segmenti differenti per età mostrano diversi livelli di frequenza desiderata: non possiamo non tenerne conto; I millenials (età tra i 18 e i 34) accettano volentieri l'email marketing, ma alcuni di loro preferiscono altri canali (8,5% social media e 4,5% messaggi di testo), una comunicazione multicanale in questo caso può essere vincente. Lo studio è stato...
Continua a leggere
Vota:
Commenti recenti
Simone Travaglini
Grazie mille Aureliano, siamo felici di fornire informazioni utili e riusabili in diversi contesti! ... Read More
Giovedì, 10 Novembre 2016 07:28
1350 Hits
3 Commenti

Classificare i clienti per aumentare i profitti

  La classificazione dei clienti spesso è fatta sulla base di segmenti basati su dati statici (geografici, economici, ecc.). Questo tipo di classificazione ha certo una sua validità, ma è importante fare un passo ulteriore e passare ad una classificazione basata su dati comportamentali. La segmentazione comportamentale è alla base del marketing relazionale. Ad esempio due aziende clienti, identiche per dati statici, possono avere diversi comportamenti nei confronti della nostra azienda, quindi necessitano azioni diverse. Due aziende di Milano con entrambe 50 dipendenti e 20 milioni di fatturato non necessariamente vanno trattate allo stesso modo. Supponiamo ad esempio che la prima faccia acquisti sporadici e si rivolga più spesso alla concorrenza che a noi, mentre la seconda sia un cliente fedele e soddisfatto: è intuitivo il fatto che sulla prima saranno necessarie una serie di azioni di marketing diverse da quelle necessarie per la seconda (in ogni caso entrambe necessitano...
Continua a leggere
Vota:
Commenti recenti
Simone Travaglini
Buongiorno Gianluigi e grazie per il tuo intervento. Sinceramente non ho mai approfondito l'approccio di cui parli... vuoi riassum... Read More
Lunedì, 12 Giugno 2017 06:46
1960 Hits
2 Commenti

APP per Vtiger: usare Vtiger da smartphone e tablet

L'utilizzo in mobilità del CRM Vtiger è fondamentale in moltissime situazioni. Con il template responsive  di opencrmitalia.com è possibile accedere a tutte le funzionalità. Abbiamo comunque voluto fare un resoconto di tutte le applicazioni per Android e iOS, sia gratuite che a pagamento, che sono in grado di permetterci di accedere a Vtiger. Facciamo una premessa: senza la possibilità dell'utilizzo offline e delle funzioni direttamente legate al telefono, il template responsive, utilizzabile dal browser del cellulare o del tablet, è ad oggi la soluzione più completa per usare Vtiger in mobilità. Analizziamo in ogni caso le applicazioni che offre oggi il mercato, mettendo anche l'immagine del rating preso direttamente dallo store delle app, per sapere come sono state valutato dagli utenti.   Vtiger Applicazione ufficiale  Compatibilità:  (Android e iOS) Costo: Gratis SITO:  www.vtiger.com  E' l'applicazione ufficiale. In attesa della nuova versione, attesa per la fine del 2016 è quanto fornisce...
Continua a leggere
Vota:
2242 Hits
0 Commenti

Pricing: la capacità di scegliere il prezzo giusto e di realizzarlo

  "La cosa più importante nel valutare un business è la forza nella gestione dei prezzi. Se hai il potere di aumentare i prezzi senza perdere clienti, allora hai un business davvero buono. Se invece devi pregare prima di aumentare i prezzi del 10%, allora hai un business terribile!" Warren Buffet   In un interessantissimo articolo del MITSloan Management Review, Andrea Hinterhuber e Staphan Liouz (Hinterhuber e Liouz, 2012), trattano la questione della definizione strategica del prezzo, a fronte di una ricerca basata su interviste fatte in un anno e mezzo a manager di importanti imprese industriali statunitensi. Il modello che ci propongono è basato su una matrice a due dimensioni. Nella prima dimensione c'è quella che loro chiamano “Price orientation”, ossia il modo in cui le aziende decidono come determinare il prezzo finale di vendita. Per una trattazione più estesa di questo argomento confronta l'articolo Pricing: definire il prezzo...
Continua a leggere
Vota:
4543 Hits
0 Commenti