Scopri i nostri ebook gratuiti

Opencrmitalia.com news

Rimani aggiornato su tutte le news del mondo digitale: web marketing, CRM, social network.

  • Home
    Home Questo è dove potete trovare tutti i post del blog in tutto il sito.
  • Categorie
    Categorie Consente di visualizzare un elenco di categorie di questo blog.
  • Tags
    Tags Consente di visualizzare un elenco di tag che sono stati utilizzati nel blog.
  • Accesso
    Login Modulo Login
Simone Travaglini

Simone Travaglini

Simone Travaglini è esperto di webmarketing e CRM. Ha conseguito un master in business administration (MBA) presso l'Alma Graduate School di Bologna. E' membro professionista dell'AISM (associazione italiana marketing).

crm-open-source-vtiger-download.png
Siamo ormai verso la fine dell'anno e vale la pena fare il punto sul mondo dei CRM open source. Come è consolidato da ormai diversi anni i nomi più ricercati sono SugarCRM CE e Vtiger CE. Mentre Vtiger è ancora attivamente supportato, e entro l'inizio dell'anno prossimo uscirà Vtiger 7, una nuova versione migliorata in particolare per quanto riguarda l'interfaccia utente, Sugar CE non è più attivamente supportato dall'azienda produttrice, che ha deciso di concentrarsi nella versione a pagamento. I numeri non lasciano dubbi: Vtiger è ampiamente il CRM open source più utilizzato al mondo.  Abbiamo deciso di riportare anche i dati relativi ai fork dei due principali prodotti, yetiforce per quanto riguarda Vtiger e suitecrm per quanto riguarda Sugar. Come si può notare i numeri sono ancora molto bassi rispetto ai due nomi più conosciuti.     Download divisi per mese 2016 CRM open source     Vtiger SugarCRM SuiteCRM...
Vota:

Inviato da il in Marketing
comeleggiemail.png
Un interessante studio di Mapp (da cui sono presi i dati con cui abbiamo elaborato i grafici che seguiranno) ci può aiutare a capire come meglio gestire le nostre campagne di email marketing e in generale le comunicazioni email verso clienti acquisiti e potenziali. Una premessa rispetto all'utilizzo dell'email e a come coinvolgere i nostri contatti tramite questo strumento: il consumo via smartphone è in continua crescita come pure il fatto di leggere la mail più volte durante la giornata. Le nostre mail dovranno quindi essere necessariamente adatte alla lettura da smartphone (responsive design); segmenti differenti per età mostrano diversi livelli di frequenza desiderata: non possiamo non tenerne conto; I millenials (età tra i 18 e i 34) accettano volentieri l'email marketing, ma alcuni di loro preferiscono altri canali (8,5% social media e 4,5% messaggi di testo), una comunicazione multicanale in questo caso può essere vincente. Lo studio è stato condotto nell'agosto 2016 su...
Vota:

Inviato da il in CRM
b2ap3_thumbnail_customer-touchpoint.jpg
Quando si parla di customer experience (esperienza del cliente) c'è spesso molta confusione. Cosa indica esattamente questo termine? Prima di definirlo sgombriamo il tavolo da ogni dubbio, dicendo prima di tutto di cosa non si tratta e con cosa spesso la si confonde: Non è un sentimento d'affetto: diciamolo chiaramente, è bene che amiate i vostri clienti, ma non basta, l'importante piuttosto è dimostrarglielo Non è il servizio clienti: sicuramente questo fa parte della customer experience, ma in esso non si risolve. Per altro spesso se si ricorre a questo servizio vuol dire che si è verificato qualche problema, che sarebbe meglio evitare da subito! Non è l'usabilità: anche questa è una parte dell'esperienza cliente, ma in essa non si risolve. Pensate ad un prodotto molto facile da usare ma che si rompe continuamente, il cliente sarà soddisfatto? Allora come la possiamo definire?  In breve: " la customer experience è il...
Vota:
target-market-icon.png
  La classificazione dei clienti spesso è fatta sulla base di segmenti basati su dati statici (geografici, economici, ecc.). Questo tipo di classificazione ha certo una sua validità, ma è importante fare un passo ulteriore e passare ad una classificazione basata su dati comportamentali. La segmentazione comportamentale è alla base del marketing relazionale. Ad esempio due aziende clienti, identiche per dati statici, possono avere diversi comportamenti nei confronti della nostra azienda, quindi necessitano azioni diverse. Due aziende di Milano con entrambe 50 dipendenti e 20 milioni di fatturato non necessariamente vanno trattate allo stesso modo. Supponiamo ad esempio che la prima faccia acquisti sporadici e si rivolga più spesso alla concorrenza che a noi, mentre la seconda sia un cliente fedele e soddisfatto: è intuitivo il fatto che sulla prima saranno necessarie una serie di azioni di marketing diverse da quelle necessarie per la seconda (in ogni caso entrambe necessitano...
Vota: